Il salvavita che scatta senza motivo…

A quanti di noi sarà capitato di avere almeno una volta nella vita questo problema?  E poi….? Fatalità capita sempre nei momenti meno opportuni…. di notte, quando siamo in vacanza, etc. etc….

Partiamo dall’inizio: l’ interruttore differenziale altresì detto salvavita è un apparecchio che monitora la dispersione di corrente verso terra. A livello di impianti residenziali è tarato per legge a 30 mA (milli ampere) cioè significa che se la dipersione di corrente supera i 30 mA lui scatta! Scatta senza motivo? Chiamate un elettricista! Volete arrangiarvi e capirne di più? Continuate a leggere….

Quale è il motivo per cui scatta?

  1. E’ rotto e quindi continua a scattare
  2. C’è effettivamente una dispersione superiore ai 30 mA
  3. Temporali e quindi disturbi alla linea
  4. Elettrodomestici e apparecchi elettronici

Caso n° 1 anche il salvavita si rompe…. può continuare a scattare o (caso molto più pericoloso) non scattare mai e quindi non ci salverebbe la vita. Se avete notato è dotato di un pulsante di test con la scritta: “premere mensilmente”. Lo fate? Tranquilli, non sentitevi in colpa, non lo fa nessuno! Però adesso lo sapete e quindi mi aspetto che ogni uno di voi apra il quadro eletttrico e faccia sta prova! Sei ancora lì? Vai a schiacciare il pusante test!!! Se non funziona o ci mette più di un secondo a scattare significa che è da sostituire (ed è un lavoro urgente da non sottovalutare). Vista l’urgenza intanto vi do il link amazon di un differenziale base (immagino che sarete d’accordo con me che la nostra vita vale ben più di 30 euro): http://amzn.to/2lx3YD8

 

Caso n°2 la dispersione è una brutta bestia infida e bastarda e non è facile scovarla! Vi dirò di più: quando arriva l’elettricista di solito svanisce…. e appena va via riprende a “martellare”. Cosa possiamo fare intanto? Proviamo a staccare tutti gli elettrodomestici e qualsiasi apparecchio che sia attaccato alle prese. Se il differenziale adesso sta su vuol dire che il problema è esterno all’impianto quindi proviamo a riconnettere alla rete quello che abbiamo appena staccato (un apparecchio alla volta e lo accendiamo: tipo collego la lavastoviglie e la accendo) fino a che non troveremo quale apparecchio crea dispersione. I più “gettonati” sono: l’accendi gas del fornello, le resistenze del forno e della lavastoviglie, il phon e la stufetta elettrica, la lavatrice….. ma potrebbe essere qualsiasi cosa…..

L’elettricista farà probabilmente la stessa cosa ma sarà aiutato da da uno strumento tipo pinza a dispersione o similare che gli visualizza l’effettiva dispersione. Il passo successivo, se non si trova niente, è sezionare l’impianto ma è un intervento da professionisti e non vi consiglio di cimentarvi in questa impresa.

Caso n°3 quando c’è il temporale il salvavita scatta!….. E’ il suo lavoro… lui sente il disturbo in linea e scatta! Oppure un altro caso tipico è questo: tutti i lunedi mattina alla stessa ora scatta il differenziale……   In entrambi i casi il problema è da attribuire a disturbi alla linea elettrica (e qui andiamo sul tecnico) quali: sovratensioni transitorie, apparecchi utilizzatori genereatori di armoniche,sovratensioni di manovra etc….

Ma noi abbiamo la soluzione definitiva: l’interruttore differenziale super immune quindi il classe A tipo si di cui vi do il codice perchè su Amazon non l’ho trovato ed è un articolo che non costa proprio poco ma vi assicuro che risolve il problema! Si chiama schneider ID C40 A9N19420 che potete trovare in qualsiasi magazzino elettrico ovvero chiedete al vostro tecnico di fiducia.

Caso n°4 sempre più nei nostri elettrodomestici è presente l’elettronica e sempre più (per far costare meno il prodotto) non è adeguatamente filtrata e può causare disturbi nel nostro impianto elettrico. Se potete evitate apparecchi di dubbia fabbricazione (“cineserie”) che costano poco ma…. un motivo ci sarà…. se l’originale costa 100 e l’altro 10…. fate voi! La soluzione è in ogni caso il differenziale classe A tipo si del caso n° 3.

Spero di essere stato chiaro e… alla prox

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.