Sistemi di accumulo per impianto fotovoltaico

Eccoci qua! Ci siamo!!! Abbiamo installato il nostro impianto fotovoltaico e ora lo step successivo per l’obiettivo finale è il sistema di accumulo. L’obiettivo finale è ovviamente l’indipendenza energetica!

Due anni fa ho installato il mio primo sistema di accumulo: un armadio contenente sedici batterie da 185 Ampere/ora connesse ad un inverter/regolatore di carica che si occupava di tutta la “faccenda” della ricarica del pacco batteria e della gestione della immissione dell’energia all’utenza e quindi dello stacco e riconnessione della rete Enel…. Tutto molto complicato per i non addetti ai lavori…. Risultato? Funziona ma per le piccole utenze cioè non riesce a erogare una potenza continuativa sufficente a soddisfare il bisogno energetico di una normale abitazione. Costo? Troppo alto! Insomma in rapporto qualità prezzo va bene per la baita in montagna dove la rete Enel è assente e il bisogno energetico è basso.

Ma i tempi cambiano e la tecnologia galoppa…. Secondo me, ad oggi, il miglior risultato  per i sistemi di accumulo è rappresentato da POWERWALL 2 di TESLA che ha le seguenti caratteristiche:

  • dimensioni compatte (115x75x15.5 cm)
  • energia nominale di 13.2 Kw/h
  • potenza utilizzabile continuativamente di 5 kw e un picco di 7 kw per 10 secondi
  • batterie agli ioni di litio ricaricabili con raffreddamento a liquido
  • garanzia 10 anni
  • montaggio a parete/pavimento e un peso di circa 122 kg
  • inverter integrato e quindi collegabile direttamente all’utenza domestica      ( lato AC 230 volt) senza dover cambiare l’inverter del vostro impianto fotovoltaico.

Questo prodotto rappresenta l’evoluzione del primo POWERWALL della TESLA che era entrato in commercio l’anno scorso con una energia nominale di 7 kw/h e ora ad un anno di distanza l’azienda americana l’ha sospeso e sostituito con questo  allo stesso prezzo del precedente (incredibile quanto corre la tecnologia in questo specifico settore).

Ovviamente il tutto deve essere installato da un operatore certificato TESLA  sempre per una questione di conformità dell’impianto e della conseguente garanzia. (Se siete interessati e in provincia di Vicenza lasciate un commento a questo articolo e vi contatterò)

Considerando il tutto e vista la potenza erogata da powerwall 2 si può dire che questo sistema di accumulo può essere il primo passo concreto verso l’indipendenza energetica ovvero può permetterci di staccarci dall’Enel. Naturalmente bisogna tener conto che:

  • non sempre c’è il sole e che le batterie hanno bisogno di quello per caricarsi! (powerwall 2 comunque manda delle notifiche per gestire le condizioni di nuvolosità e maltempo)
  • il fabbisogno elettrico è in aumento (fornello a induzione, pompa di calore, auto elettrica, riscaldamento a infrarossi…..) ma se ne possono installare più di uno nello stesso impianto.
  • per avere l’indipendenza energetica bisogna necessariamente cambiare un pò il nostro stile di vita!

Attualmente Powerwall 2 di Tesla è solo prenotabile in quanto la fornitura inizierà a Maggio 2017. Quanto costa? Il prezzo non lo decido io ma per una strana politica della casa madre l’ha deciso direttamente  TESLA ed è acquistabile anche dai privati al prezzo di:

€ 7450.00 installazione compresa (prenotazione € 450.00)

Vi ricordo anche la detrazione fiscale al 50% almeno fino a fine 2017… Unica forma di “incentivo” che il nostro sistema governativo ci da… in quanto gestito da persone miopi che non sanno fare un programma con una scadenza superiore a un anno. Vedono le luci in fondo al tunnel ma non hanno visioni per il futuro! Scusate la “tirata”.

Esistono comunque altri sistemi di accumulo con potenze minori e chiaramente prestazioni, dimensioni e prezzo inferiori e lì… vedete voi… Per esempio:

link sistema di accumulo 6 kw: http://amzn.to/2opMeKt

Voglio lasciarvi ribadendo il concetto che l’indipendenza energetica è oggi a portata di mano e se avrete voglia di seguire questo blog vi terrò aggiornati su eventuali sviluppi di questa affascinante faccenda che segna una rivoluzione in questo campo!

alla prossima

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.